Consiglieri comunali Verdi a Locarno 2012 -2016

Impegno per il Consiglio Comunale del gruppo I Verdi di Locarno

Grazie alla volontà della popolazione di Locarno siamo stati eletti quali loro rappresentanti.

Per affrontare con successo questo compito e contribuire al bene della Città, riteniamo importante realizzare uno spirito di gruppo, in cui si riconoscano i seguenti valori:

 

  

1.      Collaborazione :                           per il bene del gruppo, della Città e dei suoi cittadini.

 

2.      Lealtà, onestà e sincerità :       scambio di tutte le informazioni necessarie al compito                                                                   assunto.

 

3.      Rispetto reciproco :                   rispettare le opinioni altrui con il loro bagaglio di sentimenti

                                                               emozioni e pensieri.

 

4.      Unità malgrado le diversità :   la comunicazione costruttiva richiede reciprocità  nell’ascolto

                                                               e ricerca delle soluzioni che considerino le divergenze.

 

5.      Evitare il lamento :                     utilizzando invece le forze in maniera costruttiva.

 

6.      Solidarietà nei rapporti :          sostegno reciproco in caso di bisogno, debolezza o fragilità.

 

7.      Dare l’esempio :                        avere uno stile di vita coerente con i valori che ci                                                                               impegniamo  a diffondere.

                                                           

 

 

 

 

 

Manu, France, Pierre                                                                          Locarno, 1 maggio 2012

 

1. Manuela Boffa Moretti

Manuela Boffa Moretti     03.08.1952         Locarno

 

Ho trascorso la mia infanzia e la mia giovinezza a Locarno, città che ho visto crescere e trasformasi nel corso degli anni. Lavoro come docente di antropologia medica alla Scuola superiore specializzata in cure infermieristiche nelle sedi di Bellinzona e Lugano e sono membro del comitato dei Verdi del Locarnese dalla sua costituzione. Ho due figlie alle qualli ho cercato di trasmette l’amore per la natura e il rispetto per tutte le forme di vita.

 Ritengo importante che ogni persona si senta accolta dalla città in cui vive; dovremmo perciò fare tesoro sia della preziosa esperienza dei nostri anziani, sia della vitalità e della progettualità delle giovani generazioni. Dobbiamo porgere l’orecchio ai suggerimenti di tutti, affinchè ognuno si senta partecipe alla creazione del benessere comune.

Una città felice evita quindi gli sprechi, sceglie con responsabilità i propri consumi valutando non solo l’aspetto economico ma anche l’impatto ecologico e umano, e scopre il valore della qualità rispetto alla quantità. Per fare delle scelte consapevoli, abbiamo bisogno di prenderci il tempo necessario; tempo che diviene così un bene prezioso, in grado di proteggere la salute fisica e psichica, e che permette anche gli incontri, le relazioni e la collaborazione indispensabile per costruire quel mondo migliore che tutti desideriamo


 

2. Francesca Machado-Zorrilla (Helbling)

Francesca Machado-Zorrilla  (Helbling)     (10.02.1954) Locarno

 

Sono nata e cresciuta in Città Vecchia a Locarno. Lavoro come animatrice socioculturale in due centri giovani, conduco gruppi di genitori e svolgo pure l’attività di mediatrice familiare.

Da anni mi impegno per la difesa dei diritti umani in alcune associazioni, ricopro la carica di vicepresidente dell’Associazione Ticino Tibet, e sono la coordinatrice dei Verdi del Locarnese.

I Locarnesi hanno bisogno di una città in cui sentirsi bene, a proprio agio. Per vivere la propria città bisogna ricreare spazi pubblici  accoglienti e adatti a tutte le età, spazi per incontrarsi, per socializzare, in cui cresce il sentimento di tolleranza e solidarietà.

E’ ora di pensare finalmente ad una pianificazione sostenibile e coordinata della città e della regione, poiché la qualità dello spazio urbano determina la qualità della vita, della sicurezza e della salute dei suoi cittadini.

Bisogna favorire la collaborazione fra associazioni, enti, operatori e cittadini, promuovere la partecipazione diretta dei cittadini alla vita della propria regione, sostenendo la creazione di associazioni di quartiere per ridare forza alla democrazia, per rafforzare l’integrazione ed il sentimento appartenenza al territorio.

La società è cambiata, mentre le istituzioni faticano ad adattarsi ai tempi. Aiutare a ripensare l’organizzazione degli istituti comunali in modo che, ad esempio, i giovani non fatichino a trovare un posto di lavoro, oppure che i genitori, spesso costretti a lavorare entrambi, siano agevolati nella gestione dei figli, adattando orari di entrata e uscita dagli istituti scolastici alla situazione attuale, o ancora che gli anziani siano valorizzati come  risorse preziose per la società.

Maggiori idee  le troverete sul mio blog del Locarnese: www.illocarnese.blogspot.com

 

 

3. Pierluigi (Pierre) ZANCHI

Pierluigi Zanchi
Pierluigi Zanchi

Pierluigi  (Pierre)  Zanchi   (29.04.1959)  Locarno, Gerre di Sotto 

 

Nei Verdi da più di un ventennio e un breve periodo da coordinatore; ora membro di comitato cantonale e sezionale; consigliere comunale a Locarno (2008-20012) e neo granconsigliere

Sono attivo in progetti di aiuto allo sviluppo (ecologico) in Africa.

Non sono sposato; ho un figlio (Gioele, 7 anni), il progetto e la speranza più importante.

Con la tigusto SA ho realizzato vari sogni come quello di dimostrare che la felicità di vita, nel lavoro e nelle relazioni con gli altri, è possibile e a portata di mano; l'impegno non è indifferente ma i risultati sono ampiamente gratificanti; inoltre, è possibile (e fondamentale per qualsiasi attività) conciliare tre criteri per la nostra qualità di vita e prioritari da tradurre anche in qualsiasi atto politico: ecologia, economia e socialità sostenibili, trovando soluzioni facili e fattibili ad aspetti apparentemente inconciliabili come quelli appena citati.

Ritengo che il buon senso e il sapersi accontentare sono basi fondamentali per rendere la vita di tutti noi più giusta e dignitosa sopratutto nei confronti di chi non ha la stessa fortuna o le stesse opportunità; per cui giustizia, libertà e democrazia non possono realmente realizzarsi e mantenersi se non tramite una migliore e più equa ripartizione di tutte le ricchezze che l’unico pianeta ci offre e sul quale viviamo. Ciò implica un lavoro importante soprattutto su se stessi, prima in ambito privato, per poi saperlo portare a livello di scelte politiche comunitarie. Senza questo tipo di approccio il nostro modo di far politica sarà unicamente legato a varie e continue forme di potere e dipendenze, inconciliabili con gli obiettivi di una sana gestione politica del bene pubblico, le risorse disponibili (non infinite o rinnovabili) e la ricerca di qualità di vita degna di questo nome.

 

Firma l'iniziativa federale          «Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico»

clicca sulla foto

Vota Verdi per costruire assieme un futuro migliore: per te, per me, per tutti noi.

webmaster

Francesca Machado