comunicati stampa 2015

La democrazia va curata 

Nulla è scontato, neppure la democrazia, e con essa i diritti per i quali i nostri avi, le nostre nonne, i nostri genitori hanno lottato affinché potessimo goderne noi. In molti hanno dato la loro vita  perché noi ora si possa vivere liberi. Liberi di dire quello che pensiamo, liberi di scrivere queste righe,  liberi nel rispetto dell’altro, liberi anche di addossarci le responsabilità e le conseguenze del nostro agire. In altre nazioni, lo sappiamo, non esiste né libertà né uguaglianza; c’è chi non può uscire di casa a viso scoperto, bambine a cui è proibito frequentare la scuola, coppie a cui è consentito avere solo un figlio, ecc. Le conquiste dei diritti umani non sono per tutti. Nei regimi totalitari  i cittadini devono stare alle regole dei pochi al potere, e soprattutto obbedire e tacere.

La democrazia non è un prodotto naturale, che cresce così, spontaneamente, ma è una conquista sudata, che va curata ogni giorno, tutti assieme. La democrazia, per essere tale ha bisogno della partecipazione  di tutti noi.

La disaffezione di molti e non solo dei giovani verso la cosa pubblica, non fa che dare ampio spazio a pochi che si prendono la briga di dirigere e che sono poi criticati, perché si sospetta agiscano per i loro personali interessi. Forse in alcuni casi è davvero così, ma la responsabilità è tutta nostra, che abbiamo lasciato ad altri il compito di legiferare, di decidere. Ma chi di voi lascerebbe che un estraneo venga in casa vostra a dettare le regole in famiglia perché non volete far fatica?

Ci lamentiamo delle decisioni dei politici, dei partiti che non ci rappresentano, della distanza tra cittadini e politica,  ma quanto la nostra disaffezione, i nostri atteggiamenti e i nostri interessi alimentano quelle decisioni e aumentano quella distanza?

Cresce il sentimento di lontananza dalle forze politiche e aumenta la disaffezione verso i partiti tradizionali, ma la democrazia può fare a meno dei partiti? Essi sono il ponte tra le istituzioni e i cittadini, hanno legato la democrazia alla società civile. Nel mondo attualmente non esistono democrazie senza partiti. Ora che si tratta di scegliere tra le persone che si sono messe a disposizione per governare il nostro Cantone, bisogna che tutti, attivamente partecipino, che facciano fatica e dedichino un po’ del loro tempo a leggere, informarsi, seguire i dibattiti. Per mantenere la democrazia ci vuole impegno civico e non passività, ci vuole la pratica della cittadinanza, perché c’è un mondo che abbiamo in comune e che dobbiamo trattare il meglio possibile per chi verrà dopo di noi.

 

Francesca Machado-Zorrilla

Consigliere comunale a Locarno

Commissaria della Legislazione


Presi per il PIL; pensiamo a un reddito incondizionato

Come potrebbe essere la nostra vita se potessimo beneficiare di un reddito incondizionato; e di come molte impari opportunità fra uomo e donna, venire in parte colmante. Un reddito incondizionato per tutti i cittadini; giovani, vecchi, donne, uomini, lavoratori, disoccupati, assistiti e volontari. Avremo una prima occasione di esprimerci nel 2016 sull’iniziativa che, a tale proposito, ha raccolto più di 125 mila firme. Alcuni Stati applicano già in varie forme, tale modalità; garantendo così a tutti un reddito dignitoso per far capo a spese come vitto, alloggio, vestiti, assistenza sanitaria.

Non è possibile? Ma il vero progresso non è la realizzazione dell’utopia? Anche l’AVS e le vacanze pagate non erano utopie? E dimentichiamo volentieri che il nostro benessere lo dobbiamo sopratutto a persone, parenti o amici, che svolgono lavori domestici, curano figli, persone disabili o invalide; senza dimenticare tutte quelle che militano nelle varie associazioni culturali, sportive, o di volontariato, svolgendo lavori non retribuiti, o chi si mette a disposizione per far funzionare un Comune, un Cantone o la Nazione. Tutto questo lavoro e impegno gratuito, dato per scontato, sovente sminuito, per niente considerato, ha lo stesso valore del nostro PIL svizzero (prodotto interno lordo) stimato in ben 630 miliardi di franchi l’anno. Non proprio una bazzecola. L’ipotesi di reddito incondizionato corrisponde a 2500 fr. per gli adulti e 650 fr. per i minorenni. Vuol dire ad esempio che tutte le persone che si sobbarcano lavori domestici, la cura di persone e casa, corrispondenti sovente a un lavoro a tempo pieno, riceverebbero questi soldi più quelli dei loro figli.

Per il Consiglio Federale i soldi non ci sono; eppure dai calcoli effettuati (vedere www.bien.ch), ricuperando i soldi della disoccupazione, i vari assegni, l’assistenza, l’AVS ecc. mancherebbero circa 18 miliardi. Niente a confronto dei 630 miliardi regalati dai cittadini per le mansioni sopraccitate ;e niente se pensiamo che la Banca Nazionale ha bruciato 300 miliardi in 5 anni per truccare il rapporto franco/euro. Con quei soldi avremmo finanziato un reddito incondizionato per 20 anni di fila. Soldi che sarebbero rientrati nella nostra economia.

Se veramente vogliamo; si che si può! La felicità e il piacere di svolgere determinati lavori/impegni per la famiglia e la comunità o avere il tempo per dedicarci alle relazioni umane, alla condivisione di affetti o per ricevere sostegno morale non sono contemplate nel valore del PIL; ma se mancassero queste cose fondamentali saremmo molto più poveri e insicuri. Un Paese allo sbando. Negli USA tra il 1946 e il 1990 l’indice di felicità è diminuito di circa il 7%, mentre il redito procapite è fortemente cresciuto da 6.000 a 20.000 dollari. È dunque importante riflettere al rapporto tra economia e felicità; perché se avere di più significa star male e distruggere le basi della nostra esistenza e il Pianeta stesso, allora occorre chiederci sul serio e subito qual’è il significato e la natura dei beni che l’economia propone e che noi consumiamo. Ma sopratutto che senso dare alla nostra vita.

 

Pierluigi Zanchi

Consigliere Comunale Locarno

Commissario della Gestione

 

Candidato al Gran Consiglio

comunicati stampa 2013

Salario equo

di Denise Oriet-coordinatrice Verdi del Locarnese (20.11.2013)

Non stupisce affatto il dibattito sorto l’indomani della decisione del Governo del Canton Neuchâtel di introdurre un salario minimo di 20 franchi l’ora a livello cantonale perché è una “prima” che lascia spazio sufficiente al liberismo nostrano di defilarsi.

Quando si fa di tutta un’erba un fascio come proporre una soglia minima di salario uguale per tutti, si rischia inevitabilmente di creare confusione e allarmismi che parte della nostra società utilizza a beneficio di ulteriore subbuglio così da distogliere l’interesse dal nocciolo della questione, che resta il degrado del mondo del lavoro. L’imprenditoria si oppone a qual si voglia intervento governativo in ambito di protezione del lavoratore giustificandosi che simili iniziative vanno a discapito della stabilità del sistema svizzero che trova proprio il suo punto di forza nella libera economia. Pensiero pregiato se avvalorato dai fatti che però mettono in evidenza solo l’ambiguità dell’applicazione della dottrina economica liberista: l’imprenditore decide chi assumere, per quanto tempo, cosa dare di paga e poi scarica sullo Stato il compito di sbrogliarsi con il neo disoccupato, accantonato per questioni di miseria umana. Ecco che allora gli ammortizzatori sociali dello Stato sono ben visti, anzi, auspicati proprio da coloro che additano la presenza dell’interlocutore statale come protezionista.Siamo alla tregua delle bad company da scorporare dalla casa madre sana?Cari signori, questo si chiama parassitismo legalizzato, nient’altro. Grazie a condizioni ambientali favorevoli, gli scrocconi, così chiamati perché vivono sfruttando le fatiche altrui, abbondano e portano ad omogeneizzare un’ambiente eco-favorevole a se stessi. E’ un degrado che vediamo nel linguaggio domenicale, nella formazione dei consigli d’amministrazione, nel non agire delle istituzioni, o più semplicemente, fra coloro che fanno di necessità virtù il destreggiarsi tra disoccupazione ed assistenza. Alle nostre latitudini pare che l’intervento statale è visto come segno di protezionismo solo là dove obbliga l’economia a rispettare le norme, eppure il liberalismo fondato dal nobel per l’economia Fiedrich von Hayek, avvalora la tesi che la politica di fatto debba sostenere i diritti naturali ed inviolabili del cittadino, come il diritto al lavoro. Rea della degenerazione delle condizioni di lavoro è senz’altro l’imprenditoria, l’azienda piccola o grande che sia che per semplici calcoli economici gioca alle tre carte. I complici invece sono molti. I sindacati che rincorrono i posti al tavolo delle trattative solo per i CCL ghiotti lasciando nell’ombra una miriade di impieghi in nicchie senza protezione. I politici che paiono avere dimenticato il loro mandato pagato dalla cittadinanza, cioè quello di gestire la “cosa pubblica” ubbidendo ad un criterio di giustizia sociale, nel dare giusto equilibrio tra dare ed avere, assicurando anche un salario proporzionato. La Giustizia che produce tonnellate di giurisprudenza lasciata in mano a personali interpretazioni. Oggi, un giovane che ha terminato la propria formazione con un attestato di maturità, si ritrova a dover accettare un contratto con un salario mensile lordo di 2200 franchi se ha la sfortuna di lavorare in settori non tutelati, confinandolo di fatto a vivere in famiglia per l’eternità, perché in Svizzera cari i miei signori che vi nutrite di teorie, non si è autosufficienti con un simile stipendio. La falsa equazione liberismo uguale economia sana non può continuare a condizionare la vita di tante persone perché voi possiate crogiolarvi nell’effimero teorico.

Sul tappeto c’è un’iniziativa dei Verdi che si sono adoperati nel sostenere una proposta già presentata nel Canton Giura, che pone l’accento non solo sulla precarietà della qualità del lavoro nel nostro Cantone di frontiera, ma riporta la palla al centro dando mandato al Governo di introdurre appunto una garanzia per un salario minimo differenziato per settore.

Una proposta che avrebbe dovuto essere concepita già dal Governo stesso che ha preferito non entrare nel merito, atteggiamento frequente nelle scelte da tracciare su temi importanti e di per sé carichi di forti pressioni lobbistiche (tassa causale sui rifiuti in primis). Per contro abbiamo assistito a spot pubblicitari con eclatanti quanto fugaci atti parlamentari da Bellinzona verso Berna, senza però alcun esito proficuo per il mondo del lavoro nostrano.

Fuori i frontalieri? Io dico fuori le imprese, anche quelle svizzere che applicano salari diversi nella Confederazione, che sfruttano il territorio, i sussidi e la manodopera indigena ed estera.

Politici, sindacalisti e giuristi a voi il compito di definire il futuro della nostra economia e la storia.

 

casa del cinema di Locarno

Critiche del Partito Comunista ai Verdi rispedite al mittente

I Verdi  hanno letto a fondo sia il business plan che il malloppo sul progetto di massima concernente la Casa del Cinema e si sono fatti un quadro generale sulla bontà del progetto; con il loro voto hanno così voluto appoggiare sopratutto l'idea e non solo un progetto.

Progetto pur sempre migliorabile in corso di realizzazione ; ed è infatti ciò che gli architetti stanno già facendo; come ad esempio su nostra proposta commissionale per la copertura del tetto con pannelli solari. I Verdi hanno ritenuto sufficiente la documentazione per la richiesta del credito di progettazione definitiva, soprattutto dopo le migliorie apportate al progetto originale, il ricupero di ben 1,8 mio d’IVA, ma soprattutto per dare la possibilità del mantenimento e lo sviluppo di una Regione e di una Città a carattere culturale, formativo e turistico. Un indotto non indifferente anche per il commercio, l’artigianato e la ristorazione. Cioè per migliaia di posti di lavoro, incrementabili con la realizzazione di quest’opera.

Riconosco, come stato ribadito in CC, i tempi stretti con i quali i commissari della gestione siamo stati sottoposti nel lavorare alacremente, al fine di vagliare il progetto e le opportunità allegate per poi presentarlo in CC. Ma a volte si deve saper pedalare di più se non si vuol perdere l'ennesimo treno che la Città ha già perso troppe volte.
Inoltre, la Casa del Cinema permetterà in parte di avere spazi disponibili per ospitare pure altri eventi come congressi, mostre, concerti. E questo è un ulteriore tassello importante quale sostenibilità gestionale futura della Casa del Cinema. Sopratutto dopo l'abbandono della riqualifica della Stazione di Locarno-Muralto da parte delle FFS.

La questione delle associazioni è relativa; infatti, a breve, avrebbero comunque dovuto andar via; sia perché lo stabile è da riqualificare, sia perché operano/operavano in situazione di illegalità e insicurezza dato che l’infrastruttura è ritenuta da tempo inagibile. Inoltre Locarno avrebbe pagato ben 11 milioni in più (tutti suoi) oltre ai sei ora già votati, per rimettere a posto le ex scuole. Di spazi a Locarno ce ne sarebbero; basta cercarli e farsi promotori ad esempio (con una iniziativa invece che un referendum?) dell'acquisto e la riqualifica del comparto Casa d'Italia/Villa Igea/ex Consolato d'Italia. E su questo punto I Verdi (ma non solo loro) l'hanno più volte ribadito in Consiglio Comunale. Inoltre I Verdi del Locarnese hanno appoggiato il progetto anche perché ci sono state date garanzie sulla ristrutturazione del Palezzetto Fevi a medio termine, il quale è altrettanto prioritario della Casa del Cinema; infatti nel piano finanziario 2013-2016 ricevuto negli scorsi giorni vi è inclusa pure questa voce.

Se la Sezione del Partito Comunista non ha riconosciuto la bontà generale dell'operato in corso, facendone una questione di dettaglio, non può che dispiacerci dal momento che si è persa la visione principale su questo progetto. Infine non capiamo la critica unilaterale ai Verdi, quando pure PLR, PPD, UDC-Indipendenti e PS hanno avvallato il credito sulla Casa del Cinema sia in Commissione della Gestione che in Consiglio  Comunale.

 


Pierluigi Zanchi

Consigliere Comunale I Verdi

 

Membro della Commissione della Gestione Locarno

 

11.1

“Gli spogliatoi al campo sportivo alla Morettina sono necessari e urgenti”

comunicato stampa posizione dei Verdi del Locarnese sugli spogliatoi alla Morettina
articolo x Morettina.pdf
Documento Adobe Acrobat 45.1 KB

Raddoppio del Gottardo?

A Minusio chi ha deciso? Interrogazione di Sara Oliveti-Osenda

Raddoppio Gottardo, i Verdi si interrogano L’adesione di Minusio (così come quella di un’altra trentina di Comuni) al “Comitato per il completamento del Gottardo - No all’isolamento del Ticino” sorprende i Verdi del Locarnese, che proprio a Minusio, con la consigliera comunale Sara Oliveti-Osenda, hanno presentato un’interrogazione sul tema. I Verdi partono dal fatto che l’opera in questione è già stata più volte respinta dal popolo “e vìola la Costituzione”. C’è pertanto da chiedersi “perché la si vuole costruire ad ogni costo”. All’Esecutivo minusiense Osenda chiede “chi ha deciso, e in base a quali criteri”, l’adesione a detto comitato; se sia stato indetto un sondaggio o una consultazione tra i cittadini di Minusio; se il Municipio abbia sostenuto o intenda sostenere finanziariamente il Comitato; e se il Comune intenda “sostenere con pari vigore e forza la politica di trasferimento delle merci dalla strada alla ferrovia e l’applicazione dell’Iniziativa delle Alpi approvata nel 1994 dal popolo”; e se sì, in che modo. Nella premessa alle domande la consigliera si dichiara stupita dalla scelta del Comune, avvenuta “senza che vi sia stato il pronunciamento del Consiglio comunale e/o della popolazione e senza sapere se effettivamente questa sia la posizione della maggioranza delle persone e dei consiglieri comunali.

 

Da La Regione Ticino 12.01.2013

comunicati stampa 2012

comunicato stampa serata sulle plastiche Gordola 17.10.2012

comunicato stampa serata sulle plastiche Gordola 17.10.2012
com stampa serata plastiche 17 10 2012.p
Documento Adobe Acrobat 69.8 KB

Ditta Giuliani Riazzino: che sicurezza per la popolazione e per l'ambiente?

Articolo La Regione apparso l'11.10.2012

Comunicato stampa Verdi del Locarnese dell'11.12.2012 in relazione all'esplosione avvenuta

A proposito di piccole esplosioni a Riazzino

Viaggiando sulla strada cantonale tra Riazzino e le Gerre di Sotto, in faccia al Centro Professionaleper invalidi, ancora oggi esiste un’attività di rottamazione a lato di campi coltivati e inuna zona che propone nuovi stabili abitativi e un’enorme pubblicità per la prossima vendita dicasette. Al di là del buon senso che pare essere stato sotterrato sotto la montagna di metallo,sembrerebbe che le autorità preposte alla pianificazione del territorio si stiano dimenticando diadeguare parametri e permessi. Il benessere di una collettività non è dato unicamente dalgettito fiscale, è una complessa sinergia di forze. Occorre la lealtà del singolo cittadino a conformarsialle norme e ad una corretta dichiarazione di intenti, domande di costruzione o di attivitàper intenderci. Occorrono anche tecnici che sappiamo identificare e correggere anomalie,nonché una trasparente volontà politica alla promozione di un’economia locale sostenibile.Non è però quello che succede da Giuliani a Riazzino, luogo ben noto per precedenti fatti chehanno regalato molti disagi alla comunità. Con quel “ogni tanto capita un’esplosione, non è nulladi grave” a nostro avviso si conferma che c’è moltissimo lavoro da fare a tutti i livelli. Cosa èprevisto a favore degli operai che vivono le esplosioni e provvedono al ripristino dell’attivitàaziendale, senza alcuna protezione da fumi e pulviscolo? Da parte dell’azienda vengono effettuatii controlli e le verifiche necessari non solo a tutela della produzione con la cernita del materialeda triturare, ma pure a favore della salute degli operai e a protezione dell’ambiente? NoiVerdi del Locarnese richiamiamo l’attenzione delle autorità di vigilanza competenti per evitareulteriori e incomprensibili casualità in quel di Riazzino e non solo. Troppe negligenze si perpetuanonell’ombra di pretese aziendali e politiche che non hanno saputo adeguarsi al mutare dellasocietà, come sempre chiamata a sostenere costi sociali elevati per rigenerare unbenessere maltrattato. Individuare e traslocare l’attività privata di rottamazione in luogo piùadatto sarebbe un primo passo. Quello che consentirebbe la conseguente bonifica del terreno ela revisione di destinazione dell’area, per un domani da condividere sapendo di aver fatto lacosa giusta.

giuliani com stampa verdi locarnese.pdf
Documento Adobe Acrobat 230.9 KB

I costi del littering chi li paga?

di Francesca Machado-Zorrilla

I costi del littering chi li paga?
I costi causati dal littering, e cioè i rifiuti gettati o abbandonati con noncuranza nelle aree pubbliche invece che negli appositi bidoni o cestini dell’immondizia, sono alti.
La maggior parte dei rifiuti, come gli imballaggi per take-away, i contenitori in plastica , in alluminio o in vetro per le bevande, i giornali, gli opuscoli, i mozziconi di sigarette, viene prodotta nelle aree urbane, soprattutto durante i grandi eventi che mobilitano migliaia di persone. Ormai ci siamo abituati a pensare che “ tanto poi ci sarà qualcuno che ripulisce”.
Nel 2011 l’Ufficio Federale dell’Ambiente (UFAM) ha pubblicato uno studio sul littering e sui costi che sono a carico dell’amministrazione pubblica. Si stima che in Svizzera si aggirino intorno ai 200 milioni di franchi con il risultato che il littering fa aumentare i costi per lo smaltimento dei rifiuti a livello comunale di circa il 20%, per un totale di Fr. 111.– per abitante all’anno!
I costi causati dal LITTERING.pdf
Documento Adobe Acrobat 25.5 KB

I frontalieri, propaganda facile

di Denise Oriet

I frontalieri, propaganda facile
Il tema è di quelli incandescenti, a mio parere utilizzato da più parti come semplice propaganda per
raggiungere la massa elettorale, non certo per stimolare una discussione tale da creare soluzioni.
Ho letto un testo di Lorenzo Quadri giorni fà, forse alla ricerca di quellʼanello di pensiero in grado di
chiudere il cerchio e non lʼho trovato perché a livello mediatico, ci si ostina a dimenticare un fattore: la volontà.
Il resoconto sullʼatteggiamento dellʼautorità federale e i dati statistici elencati non possono restare gli unici parametri per stabilire che la reintroduzione di forme di contingentamento sia lʼunica via da percorrere...
lettera al giornale frontalieri-quadri p
Documento Adobe Acrobat 26.6 KB

L’autonomia energetica, una promessa e un sogno realizzati.

di Pierluigi Zanchi candidato dei Verdi a Locarno

24.03.2012

L’autonomia energetica, una promessa e un sogno realizzati.
Nell’agosto del 2011 avevo lanciato una proposta provocatoria per salvare il secondo e il terzo pilastro o semplicemente per assicurare in altro modo i nostri risparmi. E cioè che sarebbe stato più giudizioso, sotto molti punti di vista, metterli sul tetto e produrre corrente elettrica. A sei mesi da questa dichiarazione, da molti qualificata con “la solita sparata elettorale” (eravamo infatti in campagna per le federali), ecco che le promesse sono diventate fatti concreti. Da qualche settimana i 126 metri quadri di pannelli fotovoltaici assemblati a Balerna dalla Sunage SA e istallati da Alsolis SA di Arzo, grazie alla consulenza e progettazione del suo titolare Battista Filippini, hanno iniziato a produrre più di un migliaio di chilowattora d’energia elettrica. Talmente efficaci che anche in caso di nuvolosità essi forniscono tra il 10 e il 20% del loro potenziale....
article Pier Zanchi 24.03.12.pdf
Documento Adobe Acrobat 114.2 KB

Ascona e il suo referendum

di Denise Oriet candidata dei Verdi ad Ascona

07.03.2012

Ascona e il suo referendum: 6.03.3012
I fatti sono ben noti ai più ma desidero mettere lʼaccento sui punti che valuto essere importanti se
non altro perché lʼattuale autorità comunale non replica, non entra in discussione, pare restare in
silenziosa attesa di un gradito fallimento del referendum.
Lʼiniziativa del Gruppo Progressisti ha la forte qualità di stimolare il dibattito fra la popolazione
residente che per ovvie ragioni ha demandato la tutela dell’interesse pubblico ai rappresentanti
attuali, senza però ricevere in cambio spiegazioni esaurienti alle loro decisioni.
Come cittadina ritengo non commentabile un simile stravolgimento del territorio comunale per
esigenze private e anche del tutto inappropriato che i nostri rappresentanti giochino con i beni
comuni.
lettera al giornale Denise 06.03.2012 re
Documento Adobe Acrobat 23.5 KB

Sì ! All’iniziativa popolare per limitare le residenze secondarie

di Francesca Machado-Zorrilla

25.02.2012

L’iniziativa desidera opporsi a quella che è diventata una corsa sfrenata al nuovo investimento redditizio e sicuro: il mattone. Nel Locarnese i palazzi crescono come funghi
senza una adeguata pianificazione, con appartamenti che resteranno vuoti per gran parte dell’anno! Diminuiscono le aree pregiate e quelle rurali per far posto ad appartamenti spesso di lusso, e sempre vuoti.
Sì all'iniziativa limitare residenze sec
Documento Adobe Acrobat 22.5 KB

I Verdi si presentano alle elezioni comunali del Locarnese

19.01.2012

I Verdi si presentano alle elezioni comunali del Locarnese
Forti dei risultati finora ottenuti alle elezioni federali e cantonali, i Verdi del Locarnese si presentano alle elezioni nel comune di Locarno con una lista sia per il comune che per il municipio. Anche ad Ascona e a Minusio i Verdi presenteranno per il consiglio comunale una lista propria. Per il Municipio di Locarno saranno in lista Francesco Maggi, attuale capogruppo dei Verdi in Gran Consiglio e Pier Luigi Zanchi, consigliere comunale di Locarno e neo gran consigliere.....
Com St 20120118 Verdi elezioni 2.pdf
Documento Adobe Acrobat 68.3 KB

comunicati stampa 2011

Aggregazione del Locarnese, perché votare sì

14.09.2011

Verdi del Locarnese favorevoli all'aggregazione
Il comitato dei Verdi del Locarnese invita a votare SI all’aggregazione della sponda sinistra il prossimo 25 settembre. I Verdi del Locarnese sono convinti che la creazione di un comune più solido e meno frammentato permetterà maggiore propositività, inclusa una politica comunale più attenta all’ambiente e ai bisogni dei cittadini e la ridefinizione delle regole e dell’organizzazione del nuovo ente. I Verdi del Locarnese si adopereranno per fare in modo che ciò accada realmente, ad esempio promuovendo le associazioni di quartiere.
Verdi del Locarnese favorevoli all'aggre
Documento Adobe Acrobat 53.3 KB

Osservazioni al piano dell’agglomerato del Locarnese (PALoc)

12.07.2011

Osservazioni al piano dell’agglomerato del Locarnese (PALoc)
I Verdi condividono in particolare l’obiettivo volto a promuovere e potenziare i trasporti pubblici e
il traffico lento. L’obiettivo potrebbe però essere parzialmente compromesso dalle nuove opere
stradali previste a Losone-Solduno. Per sostituire i trasporti individuali con quelli collettivi, come
previsto dal PALoc occorre coerenza e maggior coraggio politico nel perseguire una politica dei
trasporti basata sui mezzi pubblici.
pp PALoc verdi def 20110712.pdf
Documento Adobe Acrobat 112.7 KB

Appoggio alle attività del c17g

comunicato stampa in appoggio al c17g
solidarietà e sostegno al c17g per la contestata decisione del Municipio di tagliare gli alberi in via delle scuole
com stampa verdi loc appoggio c17g 3.02
Documento Adobe Acrobat 22.4 KB

petizione contro la chiusura domenicale della stazione di Locarno-Muralto

chiusura domenicale della stazione di Locarno 16.01.2011
Com. stampa petizione staz. Locarno lett
Documento Adobe Acrobat 13.4 KB

comunicati stampa 2010

Comunicato Stampa Antenne telefonia mobile Locarno
Com stam telefonia mobile Locarno 17.11.
Documento Adobe Acrobat 56.2 KB

comunicato stampa sull'acquisto del Rivellino?

rivellino laregione 17.09.10.pdf
Documento Adobe Acrobat 32.3 KB

NO all'attacco frontale dei Diritti degli Svizzeri

Vota Verdi per costruire assieme un futuro migliore: per te, per me, per tutti noi.

webmaster

Francesca Machado